Sport e salute cutanea

Verruche e piscina: come avviene il contagio e cosa fare

Verruche e piscina: una combinazione nota, purtroppo, a molti amanti del nuoto. Le verruche infatti sono piccole protuberanze sulla pelle causate dall’infezione da parte di uno dei numerosi ceppi di papilloma virus umano. In genere le verruche sono innocue e indolori, però sono antiestetiche e possono comparire in punti fastidiosi.

Che tipO di verruche esistono?

  • Verruche comuni: appaiono sulle mani ma possono diffondersi ad altre parti del corpo
  • Verruche piane: appaiono soprattutto sul volto e sulla fronte; sono comuni nei bambini
  • Verruche genitali: si trasmettono attraverso i rapporti sessuali
  • Verruche plantari: si trovano sulle piante dei piedi e possono essere molto dolorose, fino a rendere difficoltosa la camminata e la corsa
  • Verruche subungueali e periungueali, cioè al di sotto delle unghie o intorno ad esse: possono interessare sia le unghie delle mani che dei piedi

Tutte le verruche, a parte quelle genitali, si trasmettonoper contatto diretto con persone affette da verruche o esposizione ad ambienti contaminatie caldo-umidi, che favoriscono la sopravvivenza e la diffusione del virus. In questi luoghi, inoltre, la pelle stessa è più esposta e meno resistente: la sua funzione barriera può quindi risultare compromessa. Sono ambienti potenzialmente a rischio di contagio le piscine, le saune, le palestre e gli spogliatoi. Per prevenire l’infezione, si consiglia quindi di non camminare mai a piedi nudi in questi ambienti ma di indossare sempre delle ciabatte e di non condividere indumenti e asciugamani.

In caso di contagio, si possono utilizzare dei trattamenti topici in grado di rimuovere efficacemente le verruche.

ARTICOLI CORRELATI

Menu